Back to All Events

Live Music: 291out Live & Flyme Djset


291out Live & Flyme Djset

Acido Records / Really Swing / Bosconi Extra Virgin / Fly By Night Music / Early Sounds Recordings

H.21:30-02:00

21.06.18-19.jpg

291out

Un ensemble «dedito ad un sound immaginifico e cinematograficamente perfetto» che presenta composizioni originali basate su una fusione di sonorità con l'intenzione di infrangere i limiti di genere. I 291out viaggiano su frequenze libere attraverso territori jazz e funk, con profonde influenze che provengono dalla tradizione del prog italiano e dal mondo delle colonne sonore. Come collettivo aperto di musicisti e produttori, non disdegnano l’esplorazione di molteplici scenari sonori, elettronica copresa, in un poliedrico spettro di produzione musicale che passa attraverso progetti paralleli e numerose collaborazioni con altri artisti.

Il nome del gruppo è ispirato alla rivista Dadaista di Stieglitz "291" rendendo omaggio alla libertà, alla creatività e all'ironia di quel movimento che rifiutava le ragioni e le logiche dei generi precostituiti. Costantemente alla ricerca di suggestioni impreviste, imprimono un carattere sperimentale al loro progetto sonoro, espresso da un approccio "cinematografico" che deriva dalla loro attività professionale come compositori di colonne sonore per produzioni audiovisive.

La prima apparizione discografica è per Acido Records nel 2013, con il brano “Urania (Titoli Di Coda)” incluso nel primo volume della serie “Soundtracks For No Film”; più tardi nello stesso anno, arriva il Vol. 2 in cui il lato A è completamente affidato al gruppo. Nel settembre del 2014 pubblicano un mini- album per il “Vol. 7” dell’etichetta napoletana Really Swing: il 10” edizione limitata è un compendio di lavori di musica applicata e tributi al poliziesco e al noir italiano degli anni ’70. Nel giugno del 2015, l’amicizia e il rapporto di collaborazione di lunga data con il produttore Luca Affatato, in arte Bop, viene svelata con la partecipazione di alcuni dei musicisti del gruppo a due tracce del primo album di Bop, per il lancio della sua etichetta Best Company. Ancora per Really Swing, hanno collaborato al ‘’Vol.8’’, disco firmato da Quiroga e uscito ad ottobre 2015.

Pubblicato a fine novembre 2016 il concept EP “Ritorno Ad Urania” su Fly By Night Music, disco prodotto da Riccio in collaborazione con Lorenzo Bandiera, che include 4 nuovi adattamenti del loro esordio discografico “Urania”.
Di nuovo in collaborazione con Bop, per la traccia “L’Uomo Dalle Nuvole”, appaiono nel primo volume del various “The Sweetest”, uscito a dicembre 2016 su Bosconi Records Extra Virgin.

Un paio di partecipazioni a dischi di altri artisti li vede collaborare al brano “Non Dire Notte”, incluso nell’EP “Viaggio A Tulum” di Quiroga per Hell Yeah! Recordings, nonché alla traccia “Ghostlyfunk” per l’EP “Basic Drink” di DJ Rocca sulla iberica Shara Music.
Il felice sodalizio con Bop porta il gruppo su Early Sounds Recordings con il nuovo disco “L’Alba Dei Vinti”, uscito a giugno 2017, in cui appaiono i primi due brani cantati mai presentati da entrambi gli artisti, con la partecipazione dei cantanti Gianluca Morelli e Giovanna Lubjan.

PROGETTI IN CORSO E ANTICIPAZIONI

I 291out stanno attualmente lavorando a diversi progetti e programmando nuove release: Il gruppo tornerà presto su Really Swing con una selezione di brani dall’archivio di musica applicata; mentre il progetto parallelo 291out[er space] farà il suo debutto su New Interplanetary Melodies.

EARLY SOUNDS / FLY BY NIGHT / REALLY SWING / ACIDO RECORDS

DISCHI

RITORNO AD URANIA (FLY BY NIGHT MUSIC 2016) REALLY SWING VOL. 7 (REALLY SWING 2014)

SOUNDTRACKS FOR NO FILM VOL.2 – SIDE A (ACIDO 2013) URANIA (TITOLI DI CODA)

(SOUNDTRACKS FOR NO FILM VOL.1 – ACIDO 2013) 291OUT ALBUM PREVIEW (INEDITO)

BOP & 291OUT / L’ALBA DEI VINTI (EARLY SOUNDS RECORDINGS 2017)

QUIROGA ft. 291OUT / NON DIRE NOTTE
(VIAGGIO A TULUM di Quiroga aka Walter Del Vecchio – HELL YEAH! 2017)

DJ ROCCA ft. 291OUT / GHOSTLYFUNK
(BASIC DRINK EP di DJ Rocca – SHARA MUSIC 2017)

BOP & 291OUT / L’UOMO DALLE NUOVOLE (THE SWEETEST VOL. 1 – BOSCONI EXV 2016)

REALLY SWING VOL.8

Di Quiroga aka Walter Del Vecchio (“Martinica Feelings”, “Yè Yè”, “Divagazioni” ft. 291out - 2015)

SELF-PORTRAIT (BEST COMPANY VOL. 1)
Di Bop aka Luca Affatato (“Lo Sguardo Di Marco” e “Il Sogno Di Mila” ft. 291out - 2015)

291OUT LIVE AT RADIO RAHEEM RITORNO AD URANIA / MAIN

SCATTI DI NERA EP. 3 “IL CASO BAUDISSARD”

Serie di Fox Crime dedicata alla cronaca nera italiana, condotta da Michele Placido. Regia di Nicola Prosatore. Prodotto da Deriva Films per Fox International Channels Italia (2007). Musiche originali di 291out incluso il brano “Vai Gorilla” (Really Swing Vol.7 – 2014)

IPA NUIT YLIO

Cortometraggio di animazione. Regia L. Carini, V. Leombruno, P. Lonzi. FastForward (2003). Tratto da una graphic novel di Alessandro Rak. Musiche originali di 291out. Il brano “La Caccia” incluso in Really Swing Vol.7 (2014).

ARMI – THE ULTIMATE KILLING

Mediometraggio. Regia di Andrea Bettoni. Blackpencil Production (2009). Colonna sonora originale di 291out (compaiono come Poligono, primo nome della formazione).

SEQUENZA: VITA DA KILLER / IL VIAGGIO (ARMI)

Brani pubblicati su: Really Swing Vol.7 (2014) e Soundtracks For No Film Vol.2 (Acido Records – 2013).

COLLABS

VIDEO

SELEZIONE VIDEO /MUSICA APPLICATA/

INTERVISTA

PRESS /DISCHI/

DIALOGO TRA UN ALLENATORE E IL SUO SECONDO

/ URANIA (TITOLI DI CODA)
Cortometraggio. Regia di Giorgio Carella. Prodotto da Fandango Lab (2004). Brano pubblicato da Acido Records (V/A Soundtracks For No Film Vol.1 - 2013)

SOUNDWALL / GIANT STEPS: 291OUT

DJ MAG ITALIA / L’ALBA DEI VINTI / by Elisa Miglionico (2017)
“[...] La title track è una take senza pace di 15 minuti dove il giro di basso funk del capitano Luca Carini si inscrive nella più splendida tradizione italiana, tra Battisti e Daniele, con synth cosmici talvolta in tempeste acide. 'Slot Machine' con la voce di Gianluca Morelli è invece la versione partenopea dell'ultimo Blixa Bargeld. Dulcis in fundo, la stupenda 'Che Male C'è', versione della title arricchita dai vocal di Giovanna Lubjan e i suoi anelli di Saturno. Ed è già disco cult.“

BAN BAN TON TON / L’ALBA DEI VINTI / by Dr. Rob (2017)
“I`d sampled the wares of both Bop (Singlayer) and 291out on Walter Del Vecchio`s Really Swing label. Been a fan, in particular of 291out. A core of seven of players. Known to expand to include another nine on occasion. Their jazzy themes informed by their homeland`s heritage. Italy`s Library Music pioneers and Giallo soundtrack composers. But, here, the combination of the band and Bop on electronics is full-on Cosmic Funk. [...]”

JAYMAG / ANNUNCIO: L’ALBA DEI VINTI / by Rossella Romano (2017)

IF-ONLY / REVIEW: L’ALBA DEI VINTI / by Suthan Logan (2017)
“[...] This aesthetic is immediately apparent – those of you with a penchant for digging up Italian Library music or the rare funk and disco music produced in those glory days would find something very nostalgic and authentic about these three tracks. [...] Hats off to this gorgeous and modern, yet unconventional funk material!”

ROCKIT / RECENSIONE RITORNO AD URANIA / by Danilo Giordano (2017) “[...] Tra un'edicola, uno studio di registrazione e magari l'ispirazione ad un set

cinematografico la voglia è quella di attendere le prossime stampe targate dal marchio culturale e musicale "291out".

JAYMAG / ANNUNCIO: RITORNO AD URANIA / by Rossella Romano (2016)

TESTPRESSING / FOCUS ON REALLY SWING / by Dr. Rob (2015) “291out make music closest to the source; organic break-laden Jazz-Funk with dexterous racing solos and tracks taking in time signatures like lithium users mood swings (I was thinking of Carlos Franzetti`s “Graffiti” mixed with Dario Argento and Goblin). Shorter pieces, longer pieces. Thrillers and chases, action and suspense.”

STRETTOBLASTER (Sett. 2014)
“In questo caso, il set prevede venti minuti di jazz-funk rotondo, fatto molto molto bene, suonato col cuore e non solo con la testa, che però non manca. Il tutto trasuda passione eppure è misurato nel movimento, delicato ed emozionale, restando il groove al centro della tela nella dovizia di particolari degli arrangiamenti, che non sono mai barocchi o eccessivi. La morbidezza avvolgente di questa nuova droga è assoluta per chi ne percepisce la carica, senza cercare per forza di capire ad ogni costo. Piccoli affreschi che si

susseguono e compongono una sorta di suite, un saliscendi in termini sia di titoli che di suoni, un’ideale colonna sonora ad un film da proiezione privata nel salottino di casa.”

DLSO / by Oscar Cini (Sett. 2014)
“I 291out [...] si potrebbero presentare come un gruppo dedito a un sound immaginifico, spettrale e cinematograficamente perfetto. Le nove tracce che compongono questo Vol. 7 a firma Really Swing, infatti, sarebbero la colonna sonora ideale per tutta una serie di pellicole, inopportunamente definite di serie B, made in Italy. [...] Si, perché i 291out sono dei musicisti sopraffini che riescono a fondere con abilità, classe e maestria i richiami jazz con i sentori di certo funk d’azione rigorosamente di marca 70’s. [...] Un disco prezioso, suonato con maestria
e legato in maniera inscindibile all’immaginario delle pellicole di genere che rappresentano un vanto assoluto per il cinema nostrano (IMHO) e di cui il maestro Micalizzi andrebbe fiero."

RESIDENT ADVISOR / by Will Lynch (Nov. 2013)
“Of all the mysterious acts to debut on Acido Records, 291out might be the most intriguing. The Italian outfit first appeared earlier this year on the mini- compilation Soundtracks For No Film Vol.1, and stole the show with a twinkly, guitar-laden house track called ‘Urania (Titoli Di Coda)’. Soundtracks For No Film Vol.2 gives us a more thorough introduction to the group, with six short tracks (some just over a minute) that are as novel as they are concise. [...]”

JUNO (Ott. 2013)
“Heavily conceptual in tone and execution, 291out largely contributes this time with a hefty six productions of outer spatial electronics which at times sound befitting of a contemporary Kafka screen adaptation and other times eminently suitable for the dancefloor (‘Automobil Club Lugano’ in particular)”

RESIDENT ADVISOR / LABEL OF THE MONTH: ACIDO
Dinamo Dreesen about 291out (Ago. 2013)
“Take, for instance, ‘Urania (Titoli Di Coda)’ ", which appeared on Soundtrack For No Film Vol.1. “I DJ'd in a little bar in Milan and I met a little bass player from Naples, Luca. He was a great character. If you remember the Muppet Show, there is one character, the rat, who was very hectic and running around and tiny compared to the other puppets. Luca is absolutely like that character. He is playing in this band 291out. They do really clichéd '80s B-movie soundtracks. He gave me some tracks and I liked them so much. It's very honest music, really captures the dark side of Milan. It's what I feel about this city—when I switch off a light, I can hear their music already in my head. When I heard it I simply had to release it."

RESIDENT ADVISOR / by Will Lynch (Giu. 2013)
“291out, an artist who appears to make his debut on this release, delivers the best track here with ‘Urania (Titoli Di Coda)’, a twinkling bit of krauty deep house.”

PRESS ROLLING STONE ITALIA / TERRAFORMA 2015 / by Francesco Sacco /LIVE/ “291out. In breve: diario di dei nerd superstar. Una barzelletta racconta che finire le sigarette è l’unico motivo in grado di spingere un vero jazzista ad uscire dalla sala prove: se non lo fa per suonare dal vivo, può essere che non veda la luce del sole per anni. Ecco, immaginate il jazzista della barzelletta e vestitelo da pirata: otterrete i 291out. Unica formazione dell’intera lineup a non suonare musica elettronica, si esibiscono a fine festival sotto il portico della villa: ormai la pioggia ha vinto, e lo stage al centro del boschetto è assolutamente impraticabile. Risolti gli ovvi disguidi tecnici dovuti al cambio di location attaccano con un irresistibile funk progressivo condito di psichedelia e

suggestioni elettroniche. Non immaginatevi però interminabili assolo o noiose digressioni troppo sperimentali: l’attitudine è scanzonata e divertente, fattore decisamente insolito per una formazione di questo genere. Fiati, sonorità jazz/blues e qualche loop: l’anello di congiunzione fra la musica organica e quella inorganica, cosa che, in un festival che ha come obiettivo quello di instaurare un dialogo fra arte e natura, non poteva certo mancare.”

ZERO.EU / TERRAFORMA 2015 REPORT / by Alessandro Morana “Tutto finito? No, perché da Napoli centrale era appena arrivato un carico di musicisti, i 291out. I 291out, sono un gruppo incredibile, un incontro tra jazz, funk, psichedelica e rock, tutto circondato da suggestioni elettroniche e rimandi a film poliziotteschi anni 70. Insomma, una bomba. I ragazzi, eroicamente, si ritagliano un angolino dietro la consolle, mentre i tecnici -ormai idoli indiscussi della serata- sistemano il tutto per il soundcheck. Paquita finisce, tocca a loro. Il tempo di superare un paio di problemi tecnici e un live incredibile, la musica prende tutti, se potessero ballerebbero anche le colonne del portico e tra il pubblico a fare il tifo per loro c’è anche Riccio, venuto apposta da Bologna (dove suoneranno insieme al Cavaticcio).”

RUMORE / TERRAFORMA 2015 REPORT / by Federico Sardo
“Il finale era affidato all’ensemble 291out, autori di un jazz rock piuttosto creativo e potente.”

VOGUE ITALIA / TERRAFORMA 2015 REPORTAGE / by Yu Lin Humm “Seducenti note di basso elettrico si diffondono nell’aria: I 291out chiudono in bellezza i tre giorni di flusso sonoro continuo, dai quali risuonano ancora oggi momenti di armonia totale.”

 

▪ Flyme ▪ DJSET

Flyme è un dj e produtore della scena soul, funk, afrobeat, disco e house italiana. È anche membro del collettivo 291out / 291out[er space]. Flyme inizia la carriera di dj nel ’98, suonando perlopiù deep, soulful house e disco. Dal 2003 pubblica la sua musica: tracce inedite, remix, re-edits e compilations, diventando un punto di riferimento nella scena club “House” e “Disco / Nu Disco” milanese.
L’ossessiva “ricerca del sample” ha da tempo avvicinato Flyme al funk ed al soul nelle forme e modalità di esecuzione più “oscure”: grooves, breaks, edits e colonne sonore sono, tra gli altri, elementi fondamentali dei suoi “classic set”.
La passione per il club è controbilanciata solo da quella per la jam: non è infatti raro trovarlo ai controlli mentre si esibisce con i suoi musicisti in personali live “a gravità 0”.

https://soundcloud.com/flymemusic

 

 

 

Earlier Event: June 17
Dj Set: Wats Records & Friends Party
Later Event: June 22
Dj Set: Amalia & Fred Simon